NGC6888 – La Nebulosa Crescente

nebulosa crescente blue journey astrofotografia

La Nebulosa Crescente circondata dalle giganti rosse nubi interstellari del Cigno

COSTELLAZIONE: Cygnus
DISTANZA: ~4700 al
CONOSCIUTA ANCHE COME: C27, LBN203, Sh2-105

La nebulosa Crescente, dalle ridotte dimensioni di 16 anni luce, si trova nella costellazione del Cigno, a circa 4700 anni luce di distanza dalla Terra. Si pensa che questa nebulosa diffusa abbia avuto origine dalla stella HD 192163, ospitata al suo interno.

Come può una stella generare tutto ciò? HD 192163 è una stella di Wolf-Rayet, ovvero appartiene ad un raro gruppo di corpi celesti, estremamente caldi e massivi, che perdono velocemente la propria materia, a tal punto da generare un vento stellare così forte da distaccare gli strati esterni della stella stessa.

HD192163 ngc6888 nebulosa crescente

La stella HD192163 al centro del frame.

Questi viaggiano nello spazio ad alte velocità, dell’ordine di 2000 km/s, innescando così fenomeni di emissione, agendo attraverso eccitazione ed impatto sulle nubi interstellari via via incontrate. Tra queste sono presenti anche gli strati esterni espulsi dalla stella migliaia di anni fa, quando ancora era una supergigante rossa.
Qualche numero su HD 192163: ha una temperatura superficiale di oltre 70.000°C, è luminosa più di 200.000 volte il nostro Sole e 15 volte più massiva. Nonostante la ‘giovane’ età di 4,5 milioni di anni, a causa della sua inquieta attività, è già in una fase avanzata della sua vita.

TECHNICAL DETAILS

480mm – f/6.0 – ISO800

LIGHT FRAMES:30x 300”

CAMERA Canon EOS 60D (unmodded)

DARK FRAMES: 15x 300”

OTTICA TS APO 80/480 + Field Flattener

FLAT FRAMES

MONTATURA Skywatcher HEQ5

CAMERA DI GUIDA QHY5L-II

OTTICA DI GUIDA 60/200

A. Vaccaro

Alessio Vaccaro

Alessio Vaccaro is an amateur astrophotographer who has published in magazines such as BBC Sky at Night, Coelum, Ciel & Espace and AAPOD. In the free time he loves to learn new things about data science, business and life.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *