La cometa SWAN: come osservarla e fotografarla

Come osservare e fotografare la cometa SWAN

La cometa C/2020 F8, più notoriamente SWAN, in questi giorni sta facendo parlare molto di sé. In questo articolo scopriamo di cosa si tratta e come osservare o fotografare una delle comete più popolari del 2020.

👉 Ma prima di cominciare: per qualsiasi dubbio o per rimanere aggiornato sui prossimi articoli non esitare a raggiungerci sul nostro Gruppo Facebook! Ci vediamo dentro! 😉

Unisciti alla nostra AstroCommunity!

Il Gruppo Facebook

 

La cometa C/2020 F8 (SWAN)

Come suggerisce la sua sigla, la cometa C/2020 F8 (SWAN) è stata scoperta proprio agli inizi dell’anno corrente (25 marzo 2020). Al contrario, il suo nome non ci suggerisce che, come spesso accade per questo genere di corpi celesti, è stata scoperta totalmente per caso analizzando dati della sonda SOHO (Solar and Heliospheric Observatory), il cui target principale è invece il Sole.

Struttura di una cometa

Fig.1 – Una cometa, quando vicino al Sole si “accende” mostrando una chioma (coma). Le comete più ricche di materiali riescono anche ad esibire anche una bellissima coda di ioni (ion tail).

Analogamente come per tutte le altre comete possiamo immaginare la cometa SWAN come una sorta di enorme masso vagante all’interno del Sistema Solare. Quello che la differenzia, però, da un comune asteroide, sono la presenza di tanto ghiaccio e sostanze volatili.

L'orbita della cometa C/2002 F8 SWAN.

Fig.2 – La posizione dei pianeti interni (Mercurio, Terra, Venere e Marte) e l’orbita della Cometa C/2020 F8 SWAN oggi (10/05/2020). Quando la cometa si troverà al perielio, il punto più vicino al Sole, disterà solamente 0.43 UA da esso (64.3 milioni di Km).

CHIOME E CODE Sono proprio questi materiali che, una volta eccitati dal Sole durante l’avvicinamento, riscaldano così velocemente da sublimare violentemente (outburst) producendo una chioma verde-ciano. Quando le comete sono particolarmente ricche di tali elementi, la loro chioma sfocia nella tipica coda di ioni che siamo abituati a vedere in fotografia (Fig.1).

La SWAN, fortunatamente, è proprio una di queste.

L’ORBITA Un’altra particolarità della cometa SWAN risiede nella sua orbita: questa è infatti di tipo parabolico (Fig.2). Quindi, a differenza di tutte le comete che ciclicamente tornano a trovarci – da qui l’aggettivo “periodiche” – dopo questo incontro ravvicinato con il Sistema Solare si allontanerà indefinitamente nei meandri del profondo cielo.

Queste poche settimane saranno, pertanto, gli unici momenti in cui potremo riuscire a studiarla e osservarla da vicino.

 

La cometa SWAN: come osservarla

Al momento dell’ultimo aggiornamento di questo articolo (23/05/2020) la cometa SWAN si trova a 115.000.000 di Km da noi nella costellazione di Perseo.

LUMINOSITA’ Nonostante le particolari variazioni della sua luminosità delle scorse settimane, la cometa C/2020 F8 ha sorprendentemente superato il limite teorico di osservabilità ad occhio nudo (magnitudine limite) raggiungendo una magnitudine apparente è di 4.8. Questo la rende ben visibile con un binocolo o un telescopio, ma potenzialmente anche ad occhio nudo da cieli poco inquinati e puliti.

Coordinate Cometa C/2020 F8 SWAN

Fig.3 – La posizione della cometa SWAN in una delle serate più favorevoli per la sua osservazione (21:00 30 Maggio 2020) [Stellarium].

CURVA DI LUCE La curva di luce della SWAN, strumento utilissimo anche per pianificare una sessione osservativa o fotografica, ci dice che nelle ultime settimane la cometa ha subito delle particolari e inattese oscillazioni della sua magnitudine apparente.

Update 23/05/2020: I nuovi dati sulla magnitudine apparente della cometa hanno ormai confermato la variazione di trend. Rispetto al massimo previsto di circa 3.5 in questi giorni, la magnitudine apparente sembrerebbe aver già superato il suo picco di 4.8 proprio agli inizi del mese di Maggio. E’ probabile, quindi, che la cometa SWAN F8 si sia già disgregata e abbia iniziato il suo lento “declino” verso il profondo cosmo.

OSSERVABILITA’ Per provare comunque ad osservare o fotografare la cometa C/2020 F8 SWAN possiamo provare rivolgendoci in direzione Nord-Ovest praticamente dall’ultima settimana di Maggio (Fig.3) tra le costellazioni Perseo e Auriga.

Osservarla non sarà semplicissimo per via della sua modestissima altezza sull’orizzonte.

 

La cometa SWAN: come tracciarla e fotografarla

FOTOGRAFIA Proprio per via della sua ridotta altezza zenitale non sarà semplice fotografare la cometa C/2020 F8 SWAN, soprattutto da regioni a basse latitudini. Nel caso in cui volessimo provare avremo sicuramente bisogno di un teleobiettivo e un treppiede per evitare mossi e fare lunghe esposizioni.

Mi raccomando: come al solito obiettivo aperto al massimo, ISO non troppo elevati (es. 800ISO) e tempi di esposizione non eccessivamente lunghi per evitare il mosso delle stelle. Potremmo provare a partire da qualcosa tipo: f4, ISO800, 60 secondi di esposizione.

Attenzione alla presenza di paesi e centri abitati vicini che potrebbero farci saturare il cielo velocemente.

SEGUIRE LA COMETA Per facilitare osservazioni e sessioni fotografiche vi consiglio di seguire la posizione della cometa C/2020 F8 SWAN da Stellarium, un popolare software planetario molto completo e di facile utilizzo.

Ci permetterà di aggiungere la cometa SWAN al database degli oggetti da osservare e di conoscere, in ogni istante passato, presente e futuro, la sua posizione. In questo articolo troverete una guida passo passo su come importare comete in Stellarium.

Qualora non ci andasse di installare un software potremmo ripiegare su siti come: TheSkyLive, CalSkyAerith.

 

Conclusioni

Bene ragazzi, basta parlare. E’ il momento di passare all’azione! Impostiamo Stellarium (o un qualsiasi altro planetario), pianifichiamo l’osservazione e la sessione fotografica.

 

Fateci sapere com’è andata e… come sempre, se doveste avere problemi nell’individuare la cometa o vi venisse un qualsiasi dubbio su come osservarla e fotografarla, non esitate a raggiungerci e contattarci nel nostro Gruppo Facebook!

Unisciti alla nostra AstroCommunity!

Il Gruppo Facebook

Cieli sereni! 😉

Alessio Vaccaro

👋 Ciao! Sono un Data Scientist e un Astrofotografo decisamente irrecuperabile! Amo viaggiare, la natura, il trekking e imparare nuove cose sulla Data Science, sull'Image Processing e, ovviamente, sull'Astrofotografia! Ho avuto il grandissimo piacere di pubblicare su riviste e canali come BBC Sky at Night, Focus, Coelum, Ciel & Espace e AAPOD. Nei momenti di "apparente calma" cerco di condividere con voi le mie esperienze attraverso questo Blog. Benvenuti e cieli sereni!

Potrebbero interessarti anche...