Come importare una cometa su Stellarium: guida passo passo

Blue Journey Astrophotography - Importare una cometa su Stellarium

Hai intenzione di osservare una cometa o assistere al passaggio di un asteroide che non sai dove si trova? Niente paura, fortunatamente c’è Stellarium. In pochissimi passi ti permetterà di scaricare le coordinate e l’orbita dell’oggetto che vuoi osservare.

Ho usato proprio questo software per seguire e pianificare la sessione fotografica della cometa 45P. La procedura può sembrare macchinosa, ma ti assicuro che una volta capito il procedimento, risulterà semplicissimo.

👉 Ma prima di cominciare: per qualsiasi dubbio o per rimanere aggiornato sui prossimi articoli non esitare a raggiungerci sul nostro Gruppo Facebook! Ci vediamo dentro! 😉

Unisciti alla nostra AstroCommunity!

Il Gruppo Facebook

 

Come scaricare Stellarium

Se sei un appassionato del cielo stellato e non hai ancora installato Stellarium… beh, ti consiglio di farlo. E’ un software gratuito dalle grandi potenzialità. Potrai riuscire a fare di tutto: importare le coordinate dell’oggetto del Sistema Solare che vuoi osservare, simulare il campo visivo (FOV) di un tuo oculare e perfino programmare l’inquadratura di una fotografia del cielo profondo impostando la tua camera e l’obiettovo di ripresa.

DOWNLOAD Il software Stellarium è completamente gratuito ed è disponibile nel sito ufficiale: Link al download di Stellarium.

 

Installazione e avvio del plugin Editor Sistema Solare su Stellarium

Prima di poter realmente scaricare le coordinate dell’oggetto dobbiamo verificare che il plugin sia attivo. Questo solitamente è già preinstallato e attivo, ma è meglio verificare per evitare malfunzionamenti.

IL PLUGIN Il nome del plugin è: Editor Sistema Solare. Grazie ad esso potremo scaricare (ed aggiornare) le effemeridi di tutti gli oggetti contenuti nel database del Minor Planet Center (asteroidi, comete e NEOs).

Blue Journey Astrophotography - Importare una cometa su stellarium

Fig.1 – Passaggio 1: Entriamo nel pannello di configurazione per verificare che il plugin sia attivo.

Il primo passo: andiamo nella Finestra di configurazione (Fig.1) e successivamente entriamo nella tab Plugin (Fig.2).

Fig.2 – Passaggio 2: Spostiamoci nella tab Plugin e poi su Editor Sistema Solare.

Verifichiamo che sia presente la spunta su Carica all'avvio. In caso contrario, mettiamo la spunta e riavviamo il programma. Il plugin adesso è sicuramente attivo. Possiamo cominciare con l’importazione vera e propria.

 

 

Importare le effemeridi di una cometa (o di un asteroide) su Stellarium

Supponiamo di voler importare le effemeridi della cometa 252P/Linear. Entriamo nuovamente nella Finestra di configurazione (anche premendo F2 sulla tastiera) e di nuovo nella tab Plugin. Selezioniamo di nuovo il plugin Editor del Sistema Solare e poi premiamo Configura. Ci comparirà la finestra qui sotto (Fig.3).

Fig.3 – Nella lista in alto sono elencati tutti gli oggetti del Sistema Solare attualmente presenti nel nostro Stellarium.

Questa schermata mostra gli oggetti del Sistema Solare che sono attualmente visibili nel nostro Stellarium. Per importarne di nuovi premiamo Importa elementi orbitali nel formato MPC. La finestra successiva ci permetterà di scegliere il tipo di oggetto da importare (Fig.4).

Fig.4 – Possiamo scegliere se importare Asteroidi o Comete e da quale lista importarne le coordinate.

Selezioniamo Comete e poi scegliamo il database dal quale scaricare le coordinate: andrà benissimo MPC’s list of observable comets. Ora possiamo cliccare su Ottieni gli elementi orbitali. In questa fase Stellarium scaricherà temporaneamente le coordinate di tutti gli oggetti presenti in quella lista. Nel passo successivo stabiliremo quali di queste inserire effettivamente nel nostro database.

Blue Journey Astrophotography - Importare una cometa su stellarium

Fig.5 – Attraverso questa stessa finestra potremo aggiornare le coordinate di oggetti già presenti.

Praticamente abbiamo finito. Scriviamo il nome dell’oggetto che ci interessa e, se scritto correttamente, spunterà nella lista.

Mettiamo una spunta (possiamo importare anche più oggetti alla volta) e poi confermiamo tutto l’importazione cliccando su Aggiungi oggetti (Fig.5).

Fatto. Avremo aggiunto la cometa 252P/Linear al nostro database e potremo sapere dove è stata, dov’è e dove sarà in qualsiasi istante passato, presente e futuro.

 

Semplicissimo: ci vuole più tempo a dirsi che a farsi. Se avete qualche problema, come al solito… raggiungeteci sul Gruppo Facebook!

Unisciti alla nostra AstroCommunity!

Il Gruppo Facebook

😉 Cieli sereni!

Alessio Vaccaro

👋 Ciao! Sono un Data Scientist e un Astrofotografo decisamente irrecuperabile! Amo viaggiare, la natura, il trekking e imparare nuove cose sulla Data Science, sull'Image Processing e, ovviamente, sull'Astrofotografia! Ho avuto il grandissimo piacere di pubblicare su riviste e canali come BBC Sky at Night, Focus, Coelum, Ciel & Espace e AAPOD. Nei momenti di "apparente calma" cerco di condividere con voi le mie esperienze attraverso questo Blog. Benvenuti e cieli sereni!

Potrebbero interessarti anche...